Dieci Modi Per Ridimensionare Le Cose

| 17/05/2019 | 0 Comments

Dieci Modi Per Ridimensionare Le CoseEssere in grado di ridimensionare la rabbia propria o altrui è un’abilità importante da avere nel mondo degli affari. Speriamo che non sia qualcosa con cui il lettore si confronta regolarmente ma sfortunatamente la maggior parte delle persone in affari ha a che fare spesso con la rabbia

Per avere successo, una persona deve capire come gestirla.

Prevenzione:

1. Riconoscere che la rabbia è un insieme di comportamenti che potrebbero essere utilizzati per ottenere ciò di cui si ha bisogno in una situazione. È un comportamento che ha beneficio chi lo usa. La rabbia può attirare l’attenzione di cui hanno bisogno, aiutarli a sfuggire alle cose che non vogliono fare, a prendere il controllo su un’altra persona o situazione, o a farli apparire più importanti quando si sentono piccoli e insignificanti.

2. La persona che interagisce con la persona arrabbiata deve identificare la propria emozione in un dato momento. Se anche l’aiutante sta provando rabbia, non potrà aiutare molto gli altri.

3. Quando i potenziali interventisti sperimentano la rabbia, devono essere in grado di cambiare ciò che stanno facendo o pensando e di tenere sotto controllo le loro emozioni o cercare l’assistenza di cui avranno bisogno per gestire la situazione.

4. Eseguire una rapida autovalutazione. Un potenziale aiutante deve porre le seguenti domande. Posso evitare di criticare e di trovare difetti nella persona arrabbiata? Posso evitare di essere critico? Posso evitare di cercare di controllare l’altra persona nel fare qualcosa che lui o lei non vuole fare? Posso trattenermi dal conflitto? Le persone che usano la rabbia hanno il diritto di prendere decisioni che soddisfano i loro bisogni? Posso provare a vedere la situazione dal punto di vista della persona arrabbiata e capire quali sono i bisogni che lui o lei sta cercando di soddisfare? E infine, posso svolgere al meglio il mio compito?

Se l’ascoltatore non può rispondere a queste domande in modo affermativo, allora avrà bisogno di assistenza per gestire la persona che esprime rabbia.

5. Riconoscere i segnali di allarme precoce. Molti episodi di rabbia potrebbero essere prevenuti se coloro che sono intorno a una persona che sta per arrabbiarsi notano ul sottile cambiamento nel comportamento della persona. Le persone calme possono diventare agitate o, più spesso, le persone più estroverse generalmente diventano silenziose e introspettive. Prestare attenzione a questi sottili cambiamenti e semplicemente commentare il cambiamento potrebbe aiutare i singoli a parlare di cosa li turba, cosi non avranno motivo di arrabbiarsi.

La prevenzione aiuta molto, tuttavia, ci saranno ancora momenti in cui non si notano i primi segni premonitori o quando si incontra qualcuno che si trova già in uno stato alterato.

Inoltre, può capitare che tu faccia tutto bene in questa fase di prevenzione e le persone scelgano comunque la rabbia per ottenere quello che vogliono. Quando si verifica una di queste situazioni, l’ascoltatore dovrà impiegare una o tutte le cinque abilità di ridimensionamento.

Intervento:

6. L’ascolto attivo è il processo che viene usato per ascoltare effettivamente, per riconoscere e capire ciò che una persona stà dicendo. È un autentico tentativo di mettersi nella situazione dell’altro. Più che altro, questo comporta ASCOLTARE! Ascoltare significa prestare attenzione non solo alle parole che l’altra persona sta dicendo, ma anche alle emozioni che prova, così come al linguaggio del corpo.

Fornendo semplicemente la propria attenzione la rabbia altrui può essere dissipata.

7. Il riscontro si verifica quando l’ascoltatore sta tentando di percepire l’emozione che sta alla base delle parole che una persona sta usando e quindi commenta quell’emozione. Si può dire qualcosa del tipo “Sembri davvero arrabbiato in questo momento!” Riconoscendo e cercando davvero di capire cosa provi la persona arrabbiata, quella persona diventa capace di rilasciare molta dell’aggressività.

8. Capendo — spesso quando le persone sono arrabbiate per qualcosa, c’è almeno il 2% di verità in quello che stanno dicendo. Quando si tenta di eliminare la rabbia di qualcuno, è importante trovare quel 2% di verità e concordare con esso.

Quando qualcuno è arrabbiato e l’ascoltatore tenta di ragionare con la persona, i suoi sforzi saranno in gran parte inefficaci. Quando l’ascoltatore è d’accordo con il 2% di verità della persona arrabbiata, lui o lei scarica gran parte della tensione accumulata.

9. Scusarsi è un buon modo per far passare la rabbia. Non sto dicendo di scusarsi per un errore immaginario, ma di chiedere sinceramente scusa per qualsiasi cosa nella situazione che sia stata ingiusta. È semplicemente riconoscere che qualcosa sia accaduto che non era giusto.

Questo può avere l’effetto di far sapere alle persone arrabbiate che l’ascoltatore è sinceramente dispiaciuto per quello che sta passando e potrebbero smettere di dirigere la loro rabbia verso la persona che tenta di aiutarli.

10. Invitare le critiche si tratta della strategia finale. In questo caso l’ascoltatore chiede semplicemente alla persona arrabbiata di esprimere la propria critica nei confronti dell’ascoltatore o della situazione. La persona che interviene potrebbe dire qualcosa del tipo: “Avanti. Dimmi tutto ciò che ti ha turbato. Non trattenere nulla. Voglio sentire tutto ciò che ti ha turbato.”
Questo invito a volte intensificherà temporaneamente le emozioni dell altro, ma se l’ascoltatore continua a incoraggiare la persona a sfogare la propria rabbia e frustrazione, alla fine, la persona arrabbiata esaurirà le lamentele. Lascia che la persona arrabbiata si esprima fino a quando la rabbia non sarà esaurita.

Anche quando si usano queste dieci strategie, potrebbe esserci un occasione in cui l’ascoltatore non ha successo nei suoi tentativi di diminuire la rabbia altrui. La sicurezza dell’ascoltatore dovrebbe essere la sua preoccupazione principale. L’ascoltatore non dovrebbe mettersi tra la persona arrabbiata e il suo unico mezzo di fuga e non dovrebbe permettere alla persona arrabbiata di bloccare l’unico mezzo di fuga dell’ascoltatore.

Chiunque intervenga in una situazione emotivamente carica dovrebbe sempre avere un piano o un modo stabilito per ottenere aiuto se necessario e ricordare di stare sempre calmo. Una persona arrabbiata è generalmente qualcuno che potrebbe perdere il controllo. Quando fuori controllo le persone sentono di intimidire e spaventare gli altri, avvertono un forte senso di potere e controllo, provocando un’escalation della situazione. Chi aiuta deve restare calmo e comportarsi come se avesse il controllo di se stesso e della situazione.

Tags:

Category: Soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *